polynum.org

La tiella e il caniscione di Gaeta. Con il ventre nel cuore - Giuseppe Nocca

DATA DI RILASCIO 30/04/2020
DIMENSIONE DEL FILE 4,60
ISBN 9788833465739
LINGUAGGIO ITALIANO
AUTRICE/AUTORE Giuseppe Nocca
FORMATO: PDF EPUB MOBI
PREZZO: GRATUITA

Vuoi leggere il libro? La tiella e il caniscione di Gaeta. Con il ventre nel cuore in formato pdf? Bella scelta! Questo libro è stato scritto dall'autore Giuseppe Nocca. Leggere La tiella e il caniscione di Gaeta. Con il ventre nel cuore Online è così facile ora!

Troverai il libro La tiella e il caniscione di Gaeta. Con il ventre nel cuore pdf qui

"La tiella e il caniscione di Gaeta" comprende una rigorosa ricerca storico-gastronomica sulla vicenda di queste due pietanze, i loro valori nutrizionali e risguardi antropologici che ne risaltano le origini e le connessioni con altre località del Mediterraneo. Il tutto è corredato da fotografie inedite e dipinti d'epoca, anche raffiguranti preziosi ingredienti tra cui il pomodoro spagnoletta di Gaeta.

...re, mare e monti. Nasce come piatto unico molto apprezzato da contadini e pescatori perché, in questo modo, avevano una pietanza da poter conservare per diversi giorni ... Tiella di Gaeta - Wikipedia ... . Gaeta è un posto povero di frasche, il forno era comune, pane e tielle venivano cotte tutte insieme solitamente di domenica, giorno in cui le famiglie facevano scorta di pane per la settimana che arrivava, per cui gli altri giorni lo stesso impasto per la tiella veniva fritto in grandi catini pieni di olio rigorosamente di olive autoctone, prenendo il nome di caniscione. Gaeta è un posto povero di frasche, il forno era comune, pane e tielle venivano cotte tutte insieme solitamente di domenica, giorno in cui le famiglie facevano scort ... Giuseppe Nocca - Tutti i libri dell'autore - Mondadori Store ... . Gaeta è un posto povero di frasche, il forno era comune, pane e tielle venivano cotte tutte insieme solitamente di domenica, giorno in cui le famiglie facevano scorta di pane per la settimana che arrivava, per cui gli altri giorni lo stesso impasto per la tiella veniva fritto in grandi catini pieni di olio rigorosamente di olive autoctone, prenendo il nome di caniscione....